Cambio di passo nel sistema di Quality Management di un’azienda che produce macchinari per l’imballaggio

Scenario iniziale

La società che fa parte di un gruppo si occupa di progettazione, costruzione e installazione di macchinari per imballaggio. L’organico è caratterizzato da età media elevata e forte presenza di personale chiave, detentore di know-how aziendale poco condiviso.
Da anni si registrano elevatissimi oneri determinati da:

  • Progettazione inaffidabile nei contenuti e nei tempi (di gran lunga il principale problema aziendale)
  • Fornitori insoddisfacenti per tempi di consegna e qualità, di frequente con struttura piccola, padronale, “artigianale” e molto esigenti in termini di costi, flessibilità e tempi.
  • Dal punto di vista commerciale il trend è molto positivo con forti acquisizioni di ordini però con tempi di consegna sempre più difficili da rispettare e con condizioni economiche via via meno remunerative.

Per quanto attiene l’Area Qualità la situazione è molto critica, con ingenti costi di non Qualità.

Obiettivi

La richiesta a Contract Manager è stata quella di presidiare la funzione Qualità, rivitalizzandola con un cambio di passo nella gestione e un aggiornamento del relativo Manuale.

Soluzioni
  1. Documentazione di SISTEMA QUALITÀ
    • Revisione della documentazione, in precedenza non strutturata, dispersa in modo disordinato in azienda e poco conosciuta dal personale. L’attenzione è stata concentrata in particolare sui documenti più operativi (istruzioni, modulistica, check list ecc.).
  2. Controllo Qualità
    • Creati Piani di Controllo Qualità abbinati alla messa a punto dei documenti tecnici
    • Forniture: creato nuovo portale per scambio di informazioni fra fornitori e ispettori di controllo; attività di planning delle visite e database per registrazione esiti
    • Introduzione del Controllo Qualità in produzione: era stato impostato ma non ancora avviato
  3. Non conformità
    • Migliorato il livello di registrazione e circolazione dei report
    • Progettata nuova gestione e analisi segnalazioni dal campo (Installation e Service) su sistema ERP
  4. Controllo Progetti
    • Introdotto un rafforzamento del Project Management aziendale, storicamente debole, con un maggiore coinvolgimento dei team nei risultati di progetto e con adeguato approfondimento finale dei risultati di ciascuna commessa
    • Incrementata l’incidenza della Qualità nell’avanzamento dei progetti (compresi meeting e reportistica)
  5. Struttura e Compiti AREA Qualità
    • Mappata la situazione di competenze, conoscenze e carichi di lavoro interni, che ha fatto prendere atto della estrema urgenza di inserire forze nuove
    • Fatta ipotesi di nuova struttura, con introduzione di referenti Qualità in ingegneria, in produzione e in commissioning
    • Sono state riviste molte procedure interne operative di lavoro, ed è stata imposta ai quadri intermedi maggiore delega, responsabilizzazione e intercambiabilità del personale operativo
    • Revisione completa delle norme di sicurezza riferite alle attività di controllo Qualità e testing (con documenti e formazione)
Conclusione

L’azienda cliente ha certamente compreso l’esigenza di passare da una qualità storicamente limitata all’area produttiva a un Quality Management a tutto campo e integrato nel comitato direttivo. L’attuazione completa e quotidiana di quanto progettato si concretizzerà ancor più con l’inserimento del Quality Manager stabile inserito al termine dell’intervento di Contract Manager.

Menu